balena_head.jpg

Per un lungo periodo, Giona Bernardi ha lavorato solo in bianco e nero. Contemporaneamente ha prodotto anche una serie di opere esclusivamente bianche o incise su legno e intonaco. Più di un gruppo di inchiostri è stato esposto o pubblicato in rivista. Tra le opere importanti, in questo senso, vanno certamente ricordate la tesi di laurea attorno al tema dell'autosacrificio nel mondo azteco Quetzlalcoatl (2002) e i disegni e le incisioni su muro della mostra Old boy (2007). Altri lavori erano apparsi sulla rivista «Cenobio» e molti ancora in mostre ed eventi (il Festival di letteratura e traduzione Babel, dopo la scomparsa dell'artista, ha voluto omaggiare il lavoro di GnB utilizzando alcune immagini per il manifesto e il programma dell'edizione 2015).